Scuola secondaria di primo grado. Progetti didattici 2015/2016

 

ANNO SCOLASTICO 2015/2016

DIDATTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCARICA E STAMPA IL PDF

IL MUSEO DI PALAZZO MAZZETTI

Palazzo Mazzetti è la più bella dimora signorile del Settecento ad Asti.

Lo stabile occupa un’antica casa-forte medioevale, successivamente accorpata alle costruzioni comprate dal conte Giovanni Battista Mazzetti.

Tra la fine del Seicento e il secondo quarto del Settecento, il Conte promosse la costruzione e la decorazione degli ambienti dell’ala occidentale.

La manica orientale è stata costruita su progetto dell’architetto Benedetto Alfieri negli anni 1751-52.

Nel 1846 l’edificio fu acquistato dalla famiglia Alfassio Grimaldi di Bellino, la quale nel 1937 vendette la residenza alla Cassa di Risparmio di Asti.

Nel 1939 il palazzo divenne sede della Pinacoteca Civica e tuttora conserva tale funzione. Nell’anno 2000 fu acquistato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti che lo destinò completamente a sede museale.

Gli ambienti dell’ala occidentale mantengono le caratteristiche di una dimora storica nobiliare con soffitti decorati da affreschi e stucchi; tra le opere pittoriche esposte, si annoverano alcuni dipinti del XVII e del XVIII secolo ed il cinquecentesco polittico del maestro di San Martino Alfieri. Nell’ala orientale si ammira lo splendido Salone d’Onore, in cui è presente “La femme” di Giacomo Grosso (1895); nelle sale seguenti trovano collocazione tre collezioni: quella dei manufatti orientali, quella dei tessuti Gerbo e quella delle micro-sculture dell’ebanista Giuseppe Maria Bonzanigo. Il secondo piano è destinato alle opere del XIX e XX secolo; tra queste si citano i ritratti di Michelangelo Pittatore, dei suoi allievi e alcune sculture di Materno Giribaldi. Le ultime due sale ospitano pitture e sculture realizzate per il premio Alfieri e la Mostra d’Arte Contemporanea.

PERCORSI DI DIDATTICA A PALAZZO MAZZETTI

Le attività didattiche di Palazzo Mazzetti sono articolate in due momenti.

La prima parte, di carattere teorico, consiste in una visita guidata presso le sale del Museo. Questa fase non si limita alla mera descrizione degli ambienti del Palazzo, ma è caratterizzata dall’interazione con gli studenti. L’obiettivo è quello di stimolare, tramite il dialogo con gli operatori, l’interesse e la capacità di osservazione dei ragazzi.

Grazie all’utilizzo di materiale didattico di varia tipologia (filmati, riproduzioni di suoni, “stands” dimostrativi, pannelli illustrativi, oggetti da toccare etc.) gli alunni potranno elaborare un nuovo concetto di museo come luogo in cui crescere ed imparare divertendosi.

Alla prima parte è possibile abbinare l’attività di laboratorio che mira alla rielaborazione in chiave pratica delle nozioni apprese. Tale esperienza è volta alla realizzazione di un manufatto (dipinto, scultura, “collage” o altre creazioni) che gli allievi potranno conservare.

La scelta di svolgere un’attività pratica è motivata dall’intenzione di offrire spazi, materiali e proposte complementari a quelle di cui ci si avvale in ambito scolastico. L’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo della manualità e dell’apprendimento di aspetti concreti ed empirici riguardanti una realtà abitualmente esaminata dal punto di vista astratto. L’abbinamento della parte teorica a quella pratica è consigliato, tuttavia, è anche possibile optare per un’unica proposta (solo la visita guidata oppure soltanto l’attività di laboratorio).

IL MUSEO VA A SCUOLA! UNA NUOVA OPPORTUNITÀ PER LE SCUOLE

A partire dall’anno scolastico 2015-2016, Palazzo Mazzetti offre agli allievi la possibilità di conoscere le più importanti opere che custodisce direttamente a scuola. Un operatore si recherà in classe e descriverà il museo, raccontando la storia del luogo e delle sale, con l’ausilio di immagini, stoffe, oggetti da toccare e supporti musicali. La “voce narrante” di questo percorso sarà Flora, raffigurata in numerosi affreschi all’interno del Museo. La dea, presenza allegorica costante nel palazzo, rappresenta la nascita, la gioia ed il fiorire della primavera e costituirà altresì una fonte di ispirazione per l’attività di laboratorio che sarà condotta all’interno dell’aula scolastica. Il museo civico di Palazzo Mazzetti fornirà anche il materiale necessario all’esecuzione dell’attività pratica. Gli incontri in aula sono motivati dalla volontà di “portare” il museo all’interno degli istituti scolastici, facendo conoscere l’istituzione anche a quelle classi che hanno difficoltà ad effettuare spostamenti fuori sede.

IL MAGAZINE CRONACHE DA PALAZZO

Conservare il ricordo dell’esperienza a Palazzo Mazzetti e condividerla con la propria famiglia è l’obiettivo del magazine “Cronache da Palazzo”. Al termine di ogni incontro, gli allievi potranno condividere le proprie impressioni con compagni ed operatori compilando un divertente “diario di bordo” che, con le foto scattate durante l’attività, sarà consultabile on-line sul sito di Palazzo Mazzetti (www.palazzomazzetti.eu).

La mascotte che accompagnerà la redazione del magazine sarà Mr Why, simpatico personaggio dipinto che comparirà sui “diari di bordo” stimolando i bambini allo scambio di opinioni.

OBIETTIVI

Gli obiettivi da raggiungere attraverso la realizzazione di questo progetto possono essere ricondotti a tre categorie:

OBIETTIVI DIDATTICI

·                    Saper acquisire e rielaborare le informazioni

·                    Condividere opinioni e sensazioni

·                    Esercitare la manualità

·                    Conoscere aspetti tecnici e strumenti di lavoro

OBIETTIVI EDUCATIVI

·                    Promuovere la socializzazione e la collaborazione durante il lavoro di gruppo

·                    Comunicare il concetto di museo come luogo da preservare per le generazioni future

·                    Creare affezione nei confronti dell’istituzione museale

·                    Favorire l’interazione tra allievi ed operatori

OBIETTIVI SPECIFICI

All’interno del progetto ogni percorso persegue i propri specifici obiettivi, che sono elencati in calce alla descrizione di ciascun incontro.

COSTI

  • Visita guidata+laboratorio (oppure solo visita o solo laboratorio): € 3 ad alunno
  • Pacchetto 2+1: € 6 ad alunno anziché € 9 (da pagare in occasione del primo incontro).

Il ciclo comprende tre incontri a Palazzo Mazzetti (ognuno completo di visita e laboratorio, da scegliere nei programmi a disposizione).

Gratuito per gli insegnanti

Gratuito per i disabili ed i loro accompagnatori

PRENOTAZIONI

Palazzo Mazzetti (Asti – Corso V. Alfieri, 357)

tel. 0141 530403 – didattica@palazzomazzetti.it

Al fine di consentire la realizzazione del progetto “Cronache da Palazzo”, gli allievi dovranno essere muniti della liberatoria firmata dai genitori per la pubblicazione sul sito di Palazzo Mazzetti delle foto scattate durante l’attività.

I PROGRAMMI

MODELLIAMO INSIEME!

LA VISITA

Gli allievi seguiranno un affascinante percorso alla scoperta di meravigliose opere in stucco, pietra ed avorio; osserveranno splendide sculture in marmo bianco ed impareranno a conoscere tipologie litiche e strumenti di lavorazione.

IL LABORATORIO

Durante l’attività pratica i partecipanti assisteranno ad una dimostrazione riguardante la fabbricazione dello stucco per poter poi realizzare una scatolina porta oggetti con la pasta modellabile.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione artistica, educazione tecnica, scienze

  • · Saper riprodurre la realtà circostante modellando oggetti tridimensionali
  • · Conoscere i materiali e le tecniche di lavorazione
  • · Guardare ed osservare con consapevolezza un’immagine e gli oggetti presenti nell’ambiente

 

IL FASCINO DELLA MITOLOGIA

LA VISITA

Quali affascinanti storie si celano dietro ai personaggi mitologici raffigurati nelle sale di Palazzo Mazzetti? Ogni mito si svelerà tramite immagini dipinte ed una serie di indizi. Gli allievi si avvicineranno per la prima volta alla mitologia attraverso la disciplina dell’arte e la forma espressiva del racconto.

 IL LABORATORIO INDOVINA L’EROE!

Gli allievi identificheranno, coloreranno e commenteranno con didascalie alcune divinità raffigurate su un grande cartellone.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione all’immagine, storia, epica

  • · Analizzare le caratteristiche iconografiche dei personaggi mitologici

DROPS….OF ART!

LA VISITA

La visita guidata propone un approccio innovativo e divertente per conoscere l’arte e la storia di Palazzo Mazzetti. I partecipanti verranno invitati ad osservare alcuni dipinti del museo, con particolare attenzione ai colori, ai sentimenti da essi trasmessi ed ai soggetti rappresentati. In quest’occasione gli allievi avranno modo di imparare alcuni termini in lingua inglese relativi all’ambiente museale.

IL LABORATORIO THE BOOK OF TRAVELS

I partecipanti compiranno un ideale viaggio attraverso la storia e l’arte dei secoli scorsi. Come antichi viaggiatori del Settecento costruiranno il loro book of travels, che verrà intestato e compilato con alcuni termini in lingua inglese.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Inglese, educazione all’immagine

  • · Riconoscere numeri, animali, colori e sentimenti
  • · Comprendere ed utilizzare semplici vocaboli in lingua inglese
  • · Identificare istruzioni, espressioni e frasi di uso quotidiano
  • · Scambiare semplici informazioni
  • · Rappresentare attraverso il disegno
  • · Usare varie tecniche per colorare

 

LA MAGIA DEL NATALE!

LA VISITA

Gli allievi saranno guidati alla scoperta del Natale attraverso l’osservazione di alcuni dipinti a tema. La visita sarà allietata dalla narrazione di fiabe che descrivono l’origine di antiche tradizioni nate in paesi lontani.

IL LABORATORIO

L’attività prevede la creazione di brillanti decorazioni natalizie con materiali riciclati.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione all’immagine, religione e materie alternative

  • · Riconoscere i soggetti raffigurati in un dipinto
  • · Sviluppare creatività e manualità attraverso attività di bricolage 

IL MONDO DEI COLORI E DELL’ARTE

 

LA VISITA

La visita si svolge al piano nobile di Palazzo Mazzetti. Dopo una breve spiegazione circa il “luogo museo”, gli alunni sono invitati a descrivere i quadri selezionati e a diventare essi stessi pittori entrando in contatto con il mondo dei colori e della pittura. Gli allievi potranno conoscere diverse tipologie di strumenti e supporti pittorici e verranno stimolati a riflettere sul significato dei colori, esprimendo quali sono i sentimenti che essi trasmettono.

IL LABORATORIO NELLA BOTTEGA DEL PITTORE

L’attività pratica si svolge nella sala didattica di Palazzo Mazzetti, trasformata nella bottega di un pittore all’interno della quale si illustrano le modalità e le materie prime con cui ottenere i diversi colori. Dopo aver provato a dipingere con i colori fabbricati secondo antiche tecniche, gli allievi potranno riprodurre grazie alla propria creatività un particolare di un’opera selezionata ed osservata durante la visita nel museo.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione all’immagine, educazione artistica

  • · Rappresentare attraverso l’arte
  • · Comunicare emozioni attraverso il disegno

 

VITA A PALAZZO

 

LA VISITA

L’analisi dei documenti d’archivio riguardanti la famiglia Mazzetti, degli ambienti del piano nobile e dei quadri delle collezioni civiche diventano strumenti per poter ricostruire la vita quotidiana della buona società provinciale del Settecento. Il percorso interattivo, visivo e sensoriale, ricrea nelle singole stanze i momenti della giornata dei nobili signori, con il coinvolgimento degli studenti che hanno la possibilità di interagire con l’operatore e di guidare essi stessi parte della visita.

La visita può essere abbinata ad uno dei seguenti laboratori:

 

IL LABORATORIO ABITUDINI ALIMENTARI DI IERI E DI OGGI

Gli alunni saranno stimolati ad approfondire il discorso sull’alimentazione e sui cibi di ieri e di oggi, mettendo in evidenza come le scelte alimentari siano espressione culturale, storica ed antropologica di una società. Il percorso si svolge nei locali del palazzo che presentano raffigurazioni o riferimenti a tema. Di fronte ad una tavola imbandita, e con l’ausilio delle antiche liste della spesa della famiglia Mazzetti, gli alunni intraprenderanno un percorso visivo e sensoriale che esamina le abitudini alimentari a partire dall’epoca dei marchesi Mazzetti sino ad oggi.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Storia, educazione alimentare, geografia

  • · Conoscere la storia e la geografia dei prodotti alimentari
  • · Apprendere le basi storiche della nostra dieta locale
  • · Imparare a decifrare un documento antico

IL LABORATORIO IL SARTO DEI MARCHESI

L’obiettivo dell’attività è quello di far conoscere agli allievi i materiali e le tecniche di filatura, tessitura e tintura dei tessuti. Nella prima parte ci si soffermerà sulla descrizione dei materiali (lana, cotone e lino), per poi proseguire con l’illustrazione delle tecniche di lavorazione dei tessuti e quelle di esecuzione di tinture antiche. Con l’ausilio di stoffe, passamanerie e nastri, gli allievi “vestiranno i marchesi Mazzetti” utilizzando la tecnica del collage creativo.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione tecnica, storia

  • · Conoscere la quotidianità di uno specifico periodo storico attraverso documenti e materiali

 

SOUVENIR M’EN DOIT. DAL FORO ROMANO AI MARCHESI MAZZETTI

LA VISITA

Visita guidata alla mostra che ripercorre, attraverso i reperti più significativi rinvenuti durante gli scavi nelle cantine del Palazzo, la storia di Asti dalla fondazione della città romana all’età moderna.

Obiettivo della visita è trasmettere agli studenti la continuità di vita di una città di antica fondazione facendo percepire la complessa stratigrafia archeologica che testimonia le sue diverse fasi costruttive. Un plastico esemplificativo dei cambiamenti della città introduce alla mostra, dove il percorso diviso in sezioni, è scandito dai ritrovamenti archeologici relativi ai vari periodi (romano, alto e basso medioevale, moderno). Alcuni oggetti selezionati per ogni fase di questa piccola porzione cittadina raccontano episodi suggestivi di vita quotidiana.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO

Storia

ROTTA AD EST: VIAGGI ED ESPLORAZIONI

LA VISITA

La visita guidata si svolge al Piano Nobile di Palazzo Mazzetti nella sezione dedicata alle collezioni orientali. L’obiettivo principale è quello di far conoscere ai ragazzi, attraverso gli oggetti esposti, due antiche civiltà: cinese e giapponese. Saranno protagonisti di questo percorso tematico gli oggetti dell’antica Cina e dell’allora inesplorato Giappone, raccolti dall’Ammiraglio della Regia Marina Militare Enrico II Guglielminetti durante il suo viaggio di ricognizione in Oriente.

IL LABORATORIO

L’attività pratica sarà incentrata sulla carta, un materiale di uso quotidiano, e sarà divisa in due momenti.  La prima parte del laboratorio riguarderà il mondo della calligrafia cinese e la presentazione degli strumenti dei pittori-letterati; al termine verranno mostrati e realizzati alcuni ideogrammi. La seconda parte illustrerà la complessa ed affascinante arte giapponese degli origami e si concluderà con una creazione dei partecipanti.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Storia, educazione artistica, geografia, educazione tecnica

  • · Raccontare il sistema di relazioni tra i segni e le testimonianze del passato presenti nel museo
  • · Esercitare la manualità nella creazione di origami
  • · Apprendimento di linguaggi e sistemi di comunicazione di paesi lontani

GIUSEPPE MARIA BONZANIGO EBANISTA DI CORTE

LA VISITA

La visita guidata verterà sulla tecnica ed i materiali utilizzati da Giuseppe Maria Bonzanigo per eseguire le sue micro-sculture. Gli allievi potranno conoscere la figura di un geniale artista che nelle opere univa tecnica, cultura e passione. Dopo una breve introduzione all’arte e alle tecniche dell’ebanisteria la visita proseguirà nella Sala Bonzanigo, dove si osserveranno alcune micro-sculture, con particolare attenzione ai materiali ed ai soggetti rappresentati.

IL LABORATORIO L’ARTE DEL LEGNO

L’attività è finalizzata alla scoperta dei materiali lignei e dei relativi strumenti di lavorazione. Si vuole stimolare la manualità degli allievi ed aumentare la loro sensibilità artistica attraverso la realizzazione di un manufatto. Dopo una breve introduzione all’arte e alle tecniche dell’ebanisteria, si realizzerà una decorazione in legno che ogni studente potrà completare secondo il gusto e la creatività personale.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione tecnica, educazione artistica, epica

  • · Sviluppo della manualità attraverso la realizzazione di manufatti lignei
  • · Riconoscimento di diverse tipologie lignee e di strumenti di lavorazione
  • · Decifrazione dell’iconografia delle opere

COME UN ANTICO INDORATORE

LA VISITA

Nella splendida galleria delle ventitremila foglie d’oro, gli alunni conosceranno l’antico mestiere dell’indoratore, osservando immagini, strumenti e materiali.

IL LABORATORIO

L’attività pratica prevede la costruzione e l’indoratura di una cornice, che diventerà un elegante porta-fotografie.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione tecnica, educazione artistica

  • · Esercizio della manualità tramite la creazione di oggettistica
  • · Conoscenza di nuove tecniche e materiali

 

CONTEMPORARY…IS NOW!

 

LA VISITA

La visita prende avvio dal secondo piano del museo civico di Palazzo Mazzetti, nel settore dedicato all’arte contemporanea. L’obiettivo finale è quello di fornire agli allievi delle chiavi di lettura innovative per comprendere il panorama artistico contemporaneo. Verranno descritte alcune opere appositamente selezionate; con l’ausilio di materiale didattico gli allievi saranno guidati alla comprensione di colori, forme, materiali e metodi espressivi di diverse correnti artistiche.

IL LABORATORIO CREATIVE ART

L’attività pratica prevede la sperimentazione di tecniche e materiali diversi, con la finalità di riprodurre i metodi espressivi degli artisti contemporanei. Gli alunni saranno coinvolti in una performance di sperimentazione artistica consistente nell’esecuzione della tecnica del dripping; seguiranno la creazione di un collage astratto e l’esecuzione di una scultura in argilla.

 

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione all’immagine, educazione artistica

  • · Rappresentare attraverso il disegno
  • · Usare varie tecniche per colorare
  • · Saper riprodurre la realtà circostante in modo creativo
  • · Comunicare emozioni attraverso il disegno
  • · Guardare ed osservare con consapevolezza un’immagine e gli oggetti presenti nell’ambiente descrivendo gli elementi formali e utilizzando le regole della percezione visiva

IL TEATRO…NEL QUADRO!

 

LA VISITA E IL LABORATORIO TEATRALE

L’esercitazione teatrale trae spunto dalla scena raffigurata nel dipinto Daniele discolpa Susanna.

Osservando i soggetti rappresentati, gli allievi saranno chiamati ad inscenare l’episodio narrato con l’ausilio di semplici costumi ed oggetti. L’attività del teatro sarà il mezzo per comprendere ed analizzare le emozioni dei protagonisti del quadro.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Espressione teatrale, educazione all’immagine, storia

  • · Conoscere la storia legata alle immagini
  • · Utilizzare il corpo nello spazio
  • · Assumere e controllare le posture del corpo con finalità espressive
  • · Ricavare informazioni da fonti di diversa natura, utili alla comprensione di un fenomeno      storico
  • · Elaborare in forma di racconto orale e scritto l’oggetto della visita guidata

STILISTI NELLA STORIA

 

LA VISITA

Durante la visita guidata i partecipanti potranno ammirare alcuni ritratti della famiglia Alfassio Grimaldi di Bellino ed altri della borghesia astigiana ottocentesca; inoltre osserveranno i tessuti della collezione Gerbo, di fronte ai quali potranno conoscere i dettami della moda del ‘600, ‘700 e ‘800.

IL LABORATORIO

Grazie al supporto di immagini tratte da riviste di moda d’epoca e a qualche trucco del mestiere, i ragazzi impareranno a disegnare un abito maschile o femminile come veri stilisti.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO E COMPETENZE

Educazione artistica, educazione tecnica e storia

  • · Guardare ed osservare con consapevolezza un’immagine e gli oggetti presenti nell’ambiente, descrivendo gli elementi formali e utilizzando le regole della percezione visiva e l’orientamento nello spazio
  • · Utilizzare gli strumenti a disposizione per produrre immagini grafiche, attraverso processi di manipolazione, rielaborazione e progettazione

 

I VOLTI DELLA CITTÀ

LA VISITA

Visita guidata alla sezione espositiva dedicata a Michelangelo Pittatore. Con questo percorso si vuole far conoscere agli allievi un momento importante della storia e dello sviluppo della città, reso possibile da uomini e famiglie illuminate che, attraverso i ritratti, rivivono per raccontarci i loro ideali e l’amore per Asti.

Dopo una premessa sulla figura di Michelangelo Pittatore davanti alla collezione dei suoi ritratti, gli alunni conosceranno gli esponenti della “nuova borghesia” che hanno contribuito all’abbellimento della città e hanno caratterizzato la storia culturale, artistica, politica ed economica della città di Asti: i personaggi illustri della comunità ebraica come Leonetto Ottolenghi ed Elia Moise Clava, i sindaci, gli imprenditori ed i commercianti.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO

Storia, educazione artistica ed educazione civica.

L’OPERA DI BENEDETTO ALFIERI AD ASTI

 

LA VISITA

Il percorso di visita si snoda, partendo da Palazzo Mazzetti, attraverso il centro storico della città ed è volto alla scoperta delle architetture e degli apparati decorativi dell’architetto Benedetto Alfieri nella Asti del XVIII secolo. L’obiettivo del percorso è far conoscere la figura e l’opera dell’Alfieri, primo architetto durante il regno di Carlo Emanuele III di Savoia. La visita alle opere astigiane di Benedetto Alfieri comprenderà la descrizione di alcune sue opere giovanili, dell’altare maggiore della Cattedrale di Asti, del Palazzo di Città (la sua più importante commissione pubblica) e degli edifici più rappresentativi della nobiltà astigiana: Palazzo Mazzetti, Palazzo Ottolenghi e Palazzo Alfieri.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO

Storia ed educazione artistica

PALAZZO MAZZETTI: UN ESEMPIO DI DIMORA NOBILIARE

LA VISITA

La visita prevista si svolge al piano nobile di Palazzo Mazzetti, con un particolare approfondimento sull’apparato decorativo degli ambienti. Con questo percorso si vogliono descrivere i linguaggi artistici dei secoli XVII e XVIII, in particolare, facendo riferimento alle decorazioni architettoniche. Con l’ausilio di materiale didattico gli studenti visiteranno gli ambienti più prestigiosi del palazzo imparando a riconoscere gli stili, le tecniche esecutive (stucco, affresco ecc.) e le soluzioni decorative dettate dal gusto artistico del periodo barocco.

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO

Storia dell’arte