SALA BONZANIGO

1_17_sala_bonzanigo_1080

Giuseppe Maria Bonzanigo (Asti, 1745-Torino, 1820), considerato tra i maggiori esponenti e diffusori dello stile Luigi XVI, è l’esponente più noto della famiglia di intagliatori e scultori di origine bellinzonese presenti ad Asti a partire dalla metà del Seicento.

L’attività di Giuseppe Maria quale intagliatore di ornati lignei e mobiliere si colloca a partire dal 1775, mentre nel 1787 una regia patente lo nominò scultore in legno di Vittorio Amedeo III di Savoia.

Negli anni ‘80 Bonzanigo fu direttamente coinvolto nell’architettura degli interni, a capo di una bottega ben organizzata e impegnata nelle residenze sabaude.
La produzione di microsculture fu l’attività che procurò maggior fama a Bonzanigo.

La notorietà dell’ ”intaglio minuto” si consolida nell’ultima parte del Settecento, durante la fioritura dell’arte Ancient Règime in Piemonte.
All’artista astigiano si rivolsero anche Napoleone e l’imperatrice Giuseppina.

La ricca collezione del Museo Civico comprendente ritratti, allegorie, soggetti sacri in legni pregiati, tartaruga e avorio si formò nella prima metà del Novecento grazie a donazioni di cittadini astigiani e piemontesi.