LUIGI ONETTI (Lu Monferrato, 1876 – Moncestino, 1968)
Ritratto di Giacinta Chiotti Onetti, 1914
Olio su tela, cm 120,5 x 87,5

Il presente ritratto raffigura la moglie dell’artista e assieme ai ritratti dei genitori, è considerata una delle prove migliori di Onetti. Sono opere formalmente accurate in cui si risente l’educazione formalistica ricevuta dai maestri dell’Accademia Albertina di Torino (Pier Celestino Gilardi, Paolo Gaidano e Giacomo Grosso) e dove la ricerca psicologica si evidenzia nella resa espressiva dei volti. Inoltre nel dipinto sono ravvisabili caratteri che rimandano ai modelli della ritrattistica seicentesca, quali la posa della figura, la presenza del simbolo araldico in alto a sinistra, la resa minuziosa dei ricami dell’abito.