GIOVANNI MICHELE GRANERI
(Torino, 1708 – 1762)
Commedianti con l’incontro tra san Filippo Neri e san Felice di Cantalice, 1754
olio su tela, cm 119 x 80
In alto a destra l’iscrizione:
“Gio Miche[le] / Graneri / fece / 10 magi[o] / anno 1754

Il dipinto appartiene alla produzione più tipica del Graneri, quelle delle piazze animate da fiere e mercati, dove tuttavia é inserita la scena dell’incontro tra i due Santi. In questo caso non si tratta di un’ambientazione torinese, ma di un luogo di fantasia, anche se non mancano le tipiche architetture adottate dal pittore. Nel dipinto ricorrono, identici, alcuni motivi presenti nelle tele di Torino, fra cui la stampa colorata appesa alla quinta del palco allestito dai ciarlatani, che riproduce la mezza figura di un anziano venditore riscontrabile pure nella scena del Cavadenti, uno fra i richiami alla pittura di genere bergamasco-bresciana (Cifrondi, Todeschini) che si sovrappongono alla matrice di cultura fiammingo-olandese dell’artista.